Cervino Apuano

Oggi ti parlo del Cervino Apuano, il Pizzo D’Uccello, monte principe per le arrampicate con la sua splendida parete Nord. Piccolo anello delle pendici orientali partendo dal rif. Donegani. Il nome, probabilmente, deriva alla montagna dalla presenza in passato dell’aquila reale.

Veduta della parete Nord da Foce Siggioli, si sviluppa per due km superando un dislivello di oltre 700 m.

QAui arriva la famosa ferrata Tordini-Galligani.

Salire per la via normale è il battesimo dell’escursionista apuano. Oltre ad un ambiente veramente meravigloso che segna il confine tra Garfagnana e Lunigiana si tratta di una buona palestra alpinistica.

Leave a Comment

Filed under Place

Spiaggia libera Viareggio

Viareggio ha una delle piu’ belle spiagge della costa nord Toscana ma la Versilia in generale cade sulle percentuali di spiagge libere. Cerco di spiegarti il paradosso. Da piccolo ricordo che tutte le spiagge davanti alle spiagge erano libere. Oggi se percorri tutta la costa da molo di Viareggio fino a Marina di Carrara comprendi che le percentuali di spiagge libere sono bassissime. E’ vero che nessuno puo’ privarti della liberta’ di attraversare un bagno ma prova senza noleggiare un ombrellone e poi mi saprai ridire! Oltre ad essere poche le free beach sono nei punti piu’ desolati vicino ai canali dove ovvimente il mare e’ meno bello, tranne Viareggio che ha una grande eccezione ma c’e’ un trucchetto.

Infatti la spiaggia con dune che vedi sopra nella foto non sarebbe propriamente spiaggia libera ma parco Naturale. Parco naturale Migliarino san Rossore Massaciuccoli. Le spiagge libere di Viareggio sono una vicino al molo ed una al muragione. La famosa Lecciona conosciuta come spiaggia libera in realta’ si tratta di parco naturale. Dove sono le differenze? La free beach e’ una spiaggia dove puoi piantare un tuo ombrellone ed eventualmente usufruire di alcuni servizi messi a disposizione. La spiaggia in una parco naturale e’ un ambiente dove l’impatto dell’uomo deve essere nullo. Francamente non capisco chi recensisce la Lecciona divendo che e’ sporca causa legnetti portati dal mare. Quei legnetti favoriscono lo sviluppo di dune e flora. In poche parole in una spiaggia parco naturale non mi devo aspettare, servizi, assistenza balneare, spiaggia spianata ne filtrata e bidoni. Si perche’ la spazzattura andrebbe riportata a casa come si fa in montagna. Inoltre dovrei stare attento a non calpestare la vegetazione ed eventuali nidi come quelli del Fratino. Ne consegue che anche Viareggio si abbassa notevolmente la percentuale di spiaggia libera togliendo i tre chilometri di spiaggia tra Viareggio e Torre del Lago. Ecco svelato il trucchetto della percentuale di spiagge libere che in Versilia e’ ridicolo. Calcolando che gran parte del turista straniero non e’ abituato al concetto di stabilimento balneare ne consegue che in Versilia regna il vecchio concetto di turismo che oggi e’ sempre meno richiesto.

Leave a Comment

Filed under Battaglia verde, Place

Chiusura del sentiero per Cala Coticcio

Da tempo noto i vari paradossi dei parchi Nazionali Italiani. Uno di questi trattasi delle chiusura del sentiero per Cala Coticcio da parte del Parco nazionale della Maddalena. Nell’ordinanza in vigore dal 2 agosto 2019 “è emersa la necessità di procedere in tempi rapidi alla chiusura del sentiero di Cala Coticcio, in quanto presenta evidenti criticità in corrispondenza di alcune parti dell’irta gradinata in granito che non ne consentono la fruizione in sicurezza”. Stiamo parlando di una area con regime di tutela integrale. Lo chiudono per la sicurezza o perche’ si tratta di un’area a tutela integrale? Seguimi in questa facile osservazione. Per quanto riguarda la sicurezza basterebbe mettere dei cartelli “sentiero per escursionisti esperti” come succede in montagna. Non ci sono grosse difficolta’ in quel sentiero basta avere calzature adeguate. La montagna è un bene comune e per definizione tutti hanno il diritto di goderne e tutti hanno il dovere di preservarla. Secondo me i divieti non servono a far cultura ed ora arriviamo al secondo punto. Se si tratta di area a tutela integrale come e’ possibile che persone su tender provano ad avvicinarsi alla spiaggia. Francamente un motore se pur piccolo lo reputo piu’ dannoso di un persona che scende a piedi. Quindi Cala Coticcio attualmente puo’ essere raggiunta solo in barca.Ne consegue il paradosso.

Leave a Comment

Filed under Battaglia verde, Other

Incendi in Siberia

Qualcuno mi ha scritto circa gli incendi in Siberia. Rispondo qui pubblicamente. Penso che l’estate 2019 sia un disastro. Un caldo veramente anomalo a latitudini vicine al Polo. Temperatura record sulle alpi ad alte quote. Torrente che si ingrossa senza pioggia e invente Zermatt, causa scioglimento ghiacciaio. Incendi in Siberia con gravi conseguenze future. In tutto questo i media parlano sempre di economia e politica. Si continua ad inquinare e consumare territorio come nulla fosse. Partendo dal presupposto che i cambiamenti climatici ci sono sempre stati nella lunga storia della terra. Quindi in parte avrebbero ragione chi non crede al cambiamento climatico causato dall’uomo. Mai nella lunga storia della Terra che noi conosciamo, degli esseri viventi hanno avuto un cosi grosso impatto sul clima. Livelli di Co2, distruzione di foreste, inquinamento, consumo territorio non sono stati mai cosi elevati. Quindi se da una parte c’e’ un probabile e normale ciclo del clima, dall’altra c’e’ un grosso impatto dell’uomo che potrebbe rompere i delicati equilibri del clima. O si cambia marcia rispettando il nostro pianeta o sara’ la natura a farcela cambiare

Leave a Comment

Filed under Battaglia verde

Capanna Margherita 4556 m

“Se ti dicono che i sogni non si realizzano, non crederci a prescindere dalla salita e dall’obbiettivo” Paolo Nuti

Panorama da Capanna Margherita

Vista esterna del rifugio piu’ alto d’Europa.

Targa interna.

Ci saranno tre capitali che parlano dell’esperienza di salita alla Capanna Margherita nel libro che sto scrivendo: Mille metri sopra il mare,

Puoi vedere il video completo qui: Capanna Margherita

Leave a Comment

Filed under Diario di bordo, Mille metri sopra il mare, Place

Zermatt si è sciolto il ghiacciaio

Zermatt 1600 metri non piove ma Zermatt viene travolta dall’acqua: si è sciolto il ghiacciaio per il caldo.  Il torrente di montagna che si trasforma in un fiume in piena e rompe gli argini, allagando strade, ponti e case, pur senza piogge. Le alte temperature raggiunte anche sui monti hanno portato allo scioglimento di parte del ghiacciaio del Cervino. Un laghetto sotterraneo, a quel punto, si sarebbe ingrossato fino a finire nel fiume Triftbach. Lo zero termico è stato registrato oltre i 4800 metri sul livello del mare.

Segnalo anche l’allarme dell’alpinista Bryan Mestre, alla base del Dente del Gigante, sul Monte Bianco, a quasi 4mila metri di quota, che denuncia la formazione di un lago su quello che durante tutto l’arco dell’anno dovrebbe essere un ghiacciaio.

Leave a Comment

Filed under Battaglia verde

Orso M49

Qualcuno mi ha scritto per chiedermi il motivo per cui non ho scritto ancora nulla sull’orso M49.

Io non lo chiamo M49 ma Spider Orso. Si! Come Spiderman che insieme ad Batman sono super eroi. Lo SpiderOrso e’ gia un super eroe. E’ riuscito a superare la doppia recinzione elettrica (14 fili in totale) e la struttura di contenimento costituita da una barriera metallica alta quasi quattro metri. Ha superato inoltre due ulteriori recinzioni elettriche interne che lo dividevano dall’orsa DJ3, Le recinzioni elettrificate presenti nel recinto del Casteller hanno una portata dai 6.000 agli 8.000 volt.

Leave a Comment

Filed under Battaglia verde

Pania Secca

La Pania Secca è una montagna delle Apuane, alta 1711 metri . Domina tutta la Lucchesia (con panorama fini al mare delle Versilia), insieme alla Pania della Croce, con la quale costituisce il massiccio calcareo del Gruppo delle Panie. Diciamo che e’ la sorella minore della Pania delle Croce e molto meno frequentata ma in grado di regalare panorami stupendi sulla Pania stessa.

Leave a Comment

Filed under Place

Consumo del territorio

Senti sicuramente parlare di riscaldamento globale e inquinamento ma no di consumo del territorio. Questa foto scattata dalle prime colline sulla Versilia evidenzia il consumo del territorio. Allagamenti, divieto di balneazione, erosione della costa. La Versilia godrebbe di un clima ottimale invernale perche’ protetta dai venti nordici dalle Apuane. In estate la brezza del mare rende piacevole la temperatura rispetto alle aeree interne. Le stesse Apuane lasciano a monte eventuali nubi e temporali estivi, regalando il sole in tutta la Versilia. Ma veniamo al dunque. La costa in origine era sabbiosa e con dune alte. Lavarone e tronchi portati dal mare alimentavano con il vento le creazioni di dune e della bassa vegetazione tipica del Mediterraneo. Gran parte della costa ora e’ stata spianata per strutture balneari fisse ad alto impatto. Ne consegue il cambiamento degli equilibri che insieme all’ impercettibile aumento dei livelli del mare, corrodono la costa. Inoltre la colata di cemento che dal mare arriva fino alla prima collina provoca un surriscaldamento della zona costiera e un poco assorbimento di acque piovane. Basta un forte temporale per allagare la Versilia che con fognature e depuratori non sufficienti conducono al fatidico divieto di balneazione per la presenza di batteri fecali nel mare in piena estate. Il consumo del territorio e’ dannoso quanto l’inquinamento. Esempio le zone prefiferiche di Viareggio erano distese di campi, oggi sono popolosi quartieri. Lo stesso dicasi per altre zone come Lido di Camaiore, Marina di Pietrasanta dove si e’ costruito a dismisura.

Leave a Comment

Filed under Battaglia verde

Bambini Reggio Emilia

“Mi sono occupato di ’Ndrangheta per anni, ma questa inchiesta è umanamente devastante”. Così il procuratore capo di Reggio Emilia ha detto circa su  ‘Angeli e Demoni’, l’inchiesta che ha fatto emergere un giro di affidamenti illeciti di bambini nella provincia di Reggio Emilia. Un sistema lucroso messo in opera da anni dalla rete dei servizi sociali della Val d’Enza reggiana. Hai sentito parlare di questo inferno? Io no, per caso ho trovato un post di un amico su Fb. Incredibile ma vero, un fatto cosi grave nessuno ne parla. Attualmente tutta la classe politica compreso il Papa, hanno un unico argomento: emergenza immigrazione. Qui ci sono bambini rovinati insieme alle loro famiglie ma nessuno dice nulla. La maggior parte dei giornalisti servi dei partiti stann facendo la solita informazione da baraccone. Solo Chi l’ha visto da risalto a questo triste tema. Dobbiamo batterci per la libera informazione sempre.

Leave a Comment

Filed under Critica