Monthly Archives: March 2015

Come creare un Epub? Im-possibile 2

impossibile-2 Come creare un Epub? Im-possibile 2

In questa seconda puntata vediamo come si crea un Epub. Gli strumenti di cui parlo a breve sono tutti open-source cioè un software di cui gli autori rendono pubblico il codice sorgente.  Questo favorisce il libero studio e permette ai programmatori di apportarvi modifiche. Inoltre con l’uso di software non a pagamento puoi passare un file ad un tuo amico, senza costringerlo a comprare lo stesso programma. Il primo software che esaminiamo è un editor: Open Office. E’ simile al suo fratello a pagamento di casa Microsoft con la differenza che questo lo scarichi, istalli e usi. Il programma è semplice e non ci sono grandi differenze di utilizzo rispetto agli altri editor. Di fondamentale importanza è la dimestichezza con l’uso della funzionalità indice. Infatti nell’ebook l’indice ricopre una ruolo importante, se viene creato male, l ‘epub non passerà la prova di validazione. Le altre funzioni: numerazione pagina, allineamento giustificato, formattazione carattere ecc sono importanti ma non invalidanti. Open Office di default permette di creare un pdf ma non un Epub. Per creare un Epub devi scaricare e istallare un componente aggiuntivo chiamato writer2epub. Una volta installato troverai 3 nuovo tasti nella barra in alto di Open Office. Il primo e i il secondo sono quelli che rispettivamente ti fanno inserire i dati (Titolo, autore, Lingua, Isbn ecc) per poi creare il file epub vero e proprio. Prima di caricare il file sul servizio che hai scelto per pubblicare il libro, prova a testarlo su palmare o smartphone e verificarlo su Epub validator. Se hai problemi ti consiglio di utilizzare un’altro programma per la creazione Epub: Calibre – E-book management. Un programma veramente completo, una volta caricato il file, che hai editato, puoi facilmente convertirlo e vedere il risultato nella libreria del programma stesso. Permette anche di forzare un nuovo indice oltre a diverse funzionalità secondarie. Per testare l’indice c’è un altro programma sempre gratuito: Sigil. Questi sono i principali strumenti che si trovano sulla scrivania virtuale di un self-publisher. Una nota sull’immagine di copertina. Se vuoi la copertina anche all’interno del ebook inserisci il file immagine nei metadata di  writer2epub o Calibre. La copertina invece che vedrai nelle librerie on line deve essere inserita direttamente sul servizio di distribuzione (step successivo al caricamento dell’epub). Prossimamente ho intenzione di fare un puntata che analizza le funzioni principali di questi programmi. A presto.

Leave a Comment

Filed under Rubrica im-possibile

Il viaggio della tartaruga su mondadoristore

Disponibile Il viaggio della tartaruga che ha imparato a volare su mondadoristore.

Leave a Comment

Filed under Il viaggio della tartaruga che ha imparato a volare

L’incubo del disastro aereo Germanwings

Sembra terribilmente incredibile, (in base alle informazioni ufficiali) un pulsante di sicurezza inserito su tutti gli aerei dopo 11 settembre è la causa del disastro Germanwings. Il pilota sembra abbia fatto di tutto per forzare la porta blindata, anch’essa adottata dopo il fatidico disastro delle Torri Gemelle, mentre il coopilota con un normale e silensioso respiro ne impediva l’apertura. Un coopilota che aveva il certifcato dell’eccelenza Faa. Gli  standard della Faa sono considerati tra i più affidabili al mondo ed aveva superato tutti i test medici e psichici. Resta quindi un enorme vuoto e l’impossibilità di capire tale gesto. Si parla di una delle migliori compagnie, dei migliori piloti, di una accurata sicurezza. Ma a cosa serve tutta questa sicurezza se non ci possiamo più fidare di un pilota? Era forse meglio un tempo dove c’erano meno certificati, meno porte di sicurezza meno telecamere e più fiducia nel vicino che ti siede accanto.

Leave a Comment

Filed under Other

Il viaggio della tartaruga su La Feltrinelli

island-ascensionAscension island

Il viaggio della tartaruga su La Feltrinelli

Nella foto Ascension island. L’isola mai raggiunta dai protagonisti della storia fantastica.

Leave a Comment

Filed under Il viaggio della tartaruga che ha imparato a volare

Giacomo Puccini a Celle Pescaglia

Puccini-a-CelleGiacomo Puccini a Celle Pescaglia

Il maestro a Pescaglia 26 ottobre 1924.  Foto d’epoca. Puccini a Celle ha passato parte dell’infanzia. Vi si recò per l’ultima volta  poco più di un mese prima dalla sua morte, per una cerimonia in suo onore.

Leave a Comment

Filed under I segreti del grande maestro- Giacomo Puccini

Vuoi pubblicare un libro? Im-possibile 1

impossibile1 Im-possibile 1

Hai appena finito di scrivere il tuo libro. Il tuo inconscio si sente libero, hai fatto uscire tutto fuori e sei felice. Ora dovrai decidere se tenere tutto in un cassetto (chiuso in un file) oppure condividere! Difficilmente uno scrive solo per se, quindi l’opzione della condivisione con gli altri è la migliore. Ma arriva il primo grande problema! Come raggiungere chi è interessato al tuo libro?
Ci sono due strade: spedire la tua copia alle varie case editrici o fare da se con il self publishing. Tutto dipende dal tipo di target lettori che vuoi raggiungere e dai fondi a tua disposizione da dedicare a questo progetto. In entrambi i casi c’è una spesa, ma ora prendiamo in esame l’opzione self publishing (inizialmente le meno costosa). Con il self-publishing, il mio primo consiglio è quello di sottoporre il tuo testo ad una buona correzione e editing. Ci sono tanti giovani e bravi che con poca spesa rendono il tuo scritto pronto per essere letto. Difficilmente qualcuno continuerà a leggere il tuo libro se non si presenta in forma di italiano corretta e leggibile. Una volta pronto il testo dovrai digitalizzarlo. In un’altra puntata scriverò i consigli su come creare un ebook o un pdf stampabile. La scelta tra scarta stampata e ebook dipende anche in questo caso dai lettori che vuoi raggiungere. Se hai scritto un libro che riguarda ad esempio i tuoi luoghi, quindi da distribuire localmente, dovresti pensare ad una versione stampabile. Usa L’ebook invece se vuoi raggiungere lettori a livello nazionale e estero. Quale servizio utilizzare per la pubblicazione del tuo libro?

Evito in questo contesto di fare della pubblicità. Ti indico solo i siti più noti narcissus , luluyoucanprint . Lo scopo di questo corso e renderti indipendente quindi consiglio una ricerca su google “pubblicare ebook” dove troverai diversi risultati per farti un’idea di cosa offre il mercato. I migliori servizi offrono una distribuzione capillare nelle migliori librerie on line. La maggior parte ti offre il servizio ISBN gratuito, codice univoco con il quale il tuo libro può essere cercato. Alcuni siti ti offrono servizi aggiuntivi come la creazione di una copertina. Nel caso non riesci o non conosci nessuno che sappia utilizzare un programma come photoshop, consiglio di utilizzare il servizio a pagamento. La copertina è il biglietto di visita del libro, un buon libro può essere scartato per una immagine poco vincente. Inoltre ci sono requisiti di dimensione immagine che devono essere rispettati per essere pubblicati su diverse librerie on line. Anche il servizio di conversione in epub generalmente è sotto pagamento. Epub è uno standard aperto specifico per la pubblicazione di libri digitali utilizzato ormai da tutte le librerie on line. Puoi mandare direttamente il tuo file in formato doc o pdf per la conversione del testo, ma in alternativa, nella prossima rubrica spiego nei dettagli quali strumenti open-source puoi utilizzare per la creazione di un file Epub. Nelle prossime puntate ti darò anche alcuni consigli, sulle varie spese che si possono compensare con l’entrate provenienti dalle prime vendite del tuo libro. L’importante è cancellare dalla mente la parola impossibile. Se il tuo libro è valido è anche possibile che diventi un’opera conosciuta.

Leave a Comment

Filed under Rubrica im-possibile

Hastings half marathon

hastings half marathonhastings-half-marathonHastings half marathon

The 31st Hastings Half Marathon 2015.  Partenza e arrivo davanti casa.

Leave a Comment

Filed under Place

Im-possibile!

impossibileIm-possibile!

Ho pensato di iniziare su linkdin Im-possibile , poi a seguire qui nel blog una specie di rubrica a puntate che riguarda gli sviluppi di una editoria libraria che non passa attraverso i vecchi step. Spero che sia utile per chi vuole pubblicare un proprio libro. Cercherò di condividere la mia esperienza come professionista IT e analizzare ciò che sembra impossibile.

Leave a Comment

Filed under Other, Rubrica im-possibile

Libertà al Richmond park

fallow-deer deerLibertà al Richmond park

Leave a Comment

Filed under Place

La voce degli indiani d’America e il Dio dell’uomo Bianco

Capo-Seattle-SUQUAMISH-1853 Capo-Seattle-SUQUAMISH-1853

Loro non possono capire noi ma oggi qualcuno di noi può capire loro. Una breve e vecchia riflessione che ci può fare riflettere.

“L’uomo bianco è come un serpente che si mangia la coda per vivere. E la coda diventa sempre più corta. Le nostre usanze sono diverse dalle vostre. Noi non viviamo bene nelle vostre città, che sembrano un’infinità di nere verruche sulla faccia della terra. La vista delle città dell’uomo bianco fa male agli occhi dell’uomo rosso come la luce del sole che colpisce gli occhi di chi emerge da una grotta buia. Nelle città dell’uomo bianco ci si sforza sempre di superare in velocità una valanga. Il rumore sembra perforare le orecchie. Ma che senso ha di vivere se non si riesce a sentire il verso solitario del tordo o il gracidare delle rane di notte intorno ad uno stagno? Ma io sono un uomo rosso e non capisco. Io preferisco il vento che dardeggia sulla superficie di uno stagno e il profumo del vento stesso, purificato da uno scroscio di pioggia a mezzogiorno. L’aria è preziosa per l’uomo rosso, perchè tutte le cose condividono lo stesso respiro; gli animali, gli alberi, e l’uomo, partecipano tutto dello stesso respiro. L’uomo bianco non si preoccupa dell’aria fetida che respira. Come un uomo che ormai soffre da molti giorni, è insensibile al tanfo. Tutte le cose sono collegate. Tutto ciò che accade alla terra accade ai figli e alle figlie della terra. L’uomo non ha intrecciato il tessuto della vita; ne è solamente un filo. Tutto ciò che egli fa al tessuto, lo fa a se stesso. Il Dio dell’uomo bianco gli diede il potere sugli animali, sui boschi e sull’uomo rosso, per qualche scopo preciso, ma questo destino è un mistero per l’uomo rosso. Noi forse potremmo arrivare a capire se sapessimo che cosa sogna l’uomo bianco, quali sono le speranze di cui parla ai propri figli nelle lunghe notti d’inverno, quali sono le visioni che marcano a fuoco i suoi occhi e che questi desidereranno all’indomani. I sogni dell’uomo bianco sono ignoti, noi ce ne andremo sulla nostra strada. “- Capo-Seattle-SUQUAMISH-1853

Leave a Comment

Filed under Battaglia verde, Quotes about life