Monthly Archives: May 2015

Facebook come aumentare visibilità con campagna mirata

impossibile 5 Facebook come aumentare visibiltà con campagna mirata.

La visibilità dei singoli utenti, nei social network, stà calando quindi è necessaria una campagna mirata per raggiungere le persone che potrebbero essere interessate all’acquisto del tuo libro. Questo strumento è ovviamente valido per pubblicizzare qualsiasi altra cosa o servizio, ma in questo caso analizziamo un libro ipotetico che chiameremo: “Viaggio in Toscana”. In questa procedura è necessario avere già creato una pagina relativa al libro, ho notato spesso che alcuni preferiscono creare un account per poter inviare le richieste di amicizia, pensando di risparmiare, però va contro lo stesso regolamento di Fb, che ultimamente sembra stia chiudendo gli account fasulli. Inoltre risulta essere poco professionale presentare un libro attraverso un profilo privato. Dato per scontato che hai già creato la tua pagina del libro, inserendo tutti i dati compreso il codice ISBN, puoi postare nello stato, il messaggio accompagnato da una significativa foto. La foto o immagine è molto importante tanto da determinare il successo della campagna stessa. Nel nostro caso inseriremo un bella foto che ritrae il paesaggio tipico toscano. Se la tua pagina ha già superato i 500 “mi piace” ti consiglio di attendere almeno un giorno prima di mettere in evidenza il post. In questo modo avrai un metro comparatore circa la resa del tuo post. Il giorno successivo potrai cliccare su “Metti in evidenza il post“, improvvisamente si aprirà un finestra con diverse opzioni. Analizziamo per prima la la terza opzione: “Persone che scegli mediante la targetizzazione“. Inseriamo la posizione, in questo caso le persone che voglio raggiungere sono in “Italia”; stringa che inserisco nel campo insieme e “Inghilterra” perchè ci sono tanti emigrati che potrebbero essere interessati al mio libro. Successivamente scegliamo gli interessi, cioè tutte le persone che hanno precedentemente messo piace al tag “Toscana”. Questo opzione è molto importante perchè ti consente di raggiungere le persone che probabilmente metteranno piace al tuo post. Infine puoi selezionare l’eta che di default è 18 -65 anni. Nella seconda sezione potrai settare Budget e durata con tanto di stima persone che saranno raggiunte, ma prima verifichiamo le altre due opzioni rimaste: “Persone a cui piace la pagina” e “Persone a cui piace la pagina e loro amici“. Se speri di fare con questa campagna anche nuovi “mi piace” alla pagina, seleziona la seconda opzione, in modo da raggiungere gli amici degli amici che potrebbero avere gli stessi interessi. In entrambi in casi le persone a cui piace la pagina saranno raggiunte dalla tua campagna a differenza della opzione “Persone che scegli mediante la targetizzazione“, che ti permette di raggiungere persone a cui non piace ancora la pagina. Quale scegliere? Sono tutte valide, cambiano a seconda dell’obbiettivo che vuoi raggiungere. Se ad esempio le persone a cui piace la tua pagina hanno già comprato il libro, puoi evitare di farle visualizzare un post dove pubblicizzi lo stesso, selezionando la “targetizzazione”. Se comunichi un aggiornamento ai tuoi lettori invece è consigliabile la prima opzione. Nel dubbio puoi decidere verificando la stima persone che saranno raggiunte, un buon modo per avere una giusta sintesi. In ogni caso, consiglio di utilizzare l’opzione “Persone a cui piace la pagina” con almeno 1000 like sulla pagina. Altro consiglio importante riguarda il Budget. Come ho scritto nella prima rubrica l’obbiettivo é la compensazione delle spese con l’entrate provenienti dalle prime vendite del tuo libro. Analizziamo quindi un post con una bella accattivante immagine e breve testo con il link alla pagina dove è possibile acquistare il libro. Se nel tuo primo mese, ipotizziamo hai ricavato 10 euro dalla vendita puoi rinvestirli facendo una campagna mirata. Il limite minimo in Facebook sono 1 euro al giorno. Generalmente nell’intervallo dei 7 giorni i tuoi lettori accedono sicuramente su Fb quindi puoi impostare una campagna della durata di 7 giorni con un Budget di 10 euro con spesa giornaliera di 1,43. Se i tuoi lettori sono lavoratori che si collegano prevalentemente dall’ufficio ti conviene fare una campagna di 5 giorni dal lunedì al venerdì. Se invece vuoi raggiungere le persone che generalmente si collegano nel fine settimana puoi selezionare 2 giorni: sabato e domenica. Alla fine della campagna Fb offre le statistiche “Visualizza i risultati“: azioni (links clicks), persone e paesi. Oltre a questo ti consiglio di verificare la partecipazione delle persone, cioè i commenti. Non dare troppo importanza al numero dei “mi piace” piuttosto cerca di postare argomenti di qualità e interesse. Spesso un buon argomento può diventare in gergo”virale” senza il bisogno di grosse spese. Questo concetto introduce il nuovo tema trattato nella prossima guida: Google Adwords.

Leave a Comment

Filed under Rubrica im-possibile

La leggenda delle lacrime degli angeli

Apuane

Questa foto mi riporta in mente la leggenda delle lacrime degli angeli.

Si narra che quando gli angeli erano ancora piccoli bambini c’erano i dinosauri e al posto delle Apuane una pianura. I dinosauri erano buoni e i bambini giocavano tutto il giorno con loro fino a quando arrivò un grande dinosauro cattivo e prepotente. I bambini chiesero a Dio un aiuto perchè il nuovo arrivato faceva male ai dinosauri più debole. Ma Dio rispose che era arrivato L’uomo. Dal dispiacere gli angeli volarono in cielo e piansero così tanto da ghiacciare l’intera Europa. Dio commosso da tanta tristezza disse agli angeli che le loro lacrime si sarebbero trasformate in candide montagne Apuane e che un giorno sarebbero potuti tornare a giocare con i dinosauri, come quando erano bambini, dopo che l’uomo sarà estinto.

Bello vedere le cose come quando si era bambini.

Leave a Comment

Filed under Place

Cerco fumettista per illustrazione del libro: “Il viaggio della tartaruga che ha imparato a volare”

libro-fantasy

Cerco  un illustratore fumettista per illustrazione e eventuale futura collaborazione del libro: “Il viaggio della tartaruga che ha imparato a volare“.

2 Comments

Filed under Il viaggio della tartaruga che ha imparato a volare

L’arte a servizio dell’ambiente e La montagna che viene in aiuto del mare

marmo-mare

Sono molto colpito da questo articolo: L’arte a servizio dell’ambiente: la “Casa dei pesci” diventa realtà” e del video “la battaglia di paolo il pescatore” in onda su raiscuola.rai.it con l’intervento anche di Greepeace. Non voglio polemizzare sul lavoro svolto da Paolo il pescatore ma focalizzare l’attenzione su un messaggio sbagliato. Il messaggio “La montagna che viene in aiuto del mare”  è veramente inadatto e fuori luogo. Mi meraviglio che Raiscuola e Greepeace non abbiamo colto questo particolare: per salvare un posto se ne distrugge un’altro. Quale messaggio vogliono mandare alle nuove generazioni? Sono veramente sconsolato a leggere questo articolo. Ambientalisti, artisti, politici che buttano in mare il prezioso marmo apuano. Questi blocchi vengono da un luogo dove si stà consumando uno dei peggiori disastri territoriali Europei. Questo messaggio e ben lontano dal concetto di sviluppo sostenibile, ma più vicino al concetto imprenditoriale e industriale che per salvare il proprio orticello se ne distrugge un altro. Mi dispiace che un progetto naturalistico prenda un piega che va contro lo stesso ambiente. Sono sicuro che c’è un modo per portare avanti il progetto della “Casa dei pesci” senza sfruttare un altro ambiente.

Leave a Comment

Filed under Battaglia verde

Come creare un Blog – Im-possibile-4

im-possibile4Come creare un Blog Im-possibile-4

Nella precedente rubrica ho introdotto l’importanza di avere un blog personale. Se la tua presenza sui social network è importante, l’avere un blog è essenziale. Ricordando che il nostro tema principale tratta il self publishing, di conseguenza sarà utile creare uno spazio dove i tuoi lettori ti possono sempre trovare. Sicuramente penserai che Facebook è già sufficiente, tutti possono trovarti. Lunga vita a Fb, ma da quando attaccai la spina al mio primo modem tantissime applicazioni oggi non sono più alla moda e altre non più presenti. Inoltre è indispensabile un luogo dove tu sei amministratore di te stesso. Ogni social ha giustamente le sue regole, ma per uno scrittore è importante avere un luogo da gestire liberamente. Vediamo come realizzare tutto ciò con la minima spesa. La prima soluzione è la registrazione di un nome a dominio e relativo spazio hosting. Questa secondo me è la miglior soluzione. Avrai un tuo dominio personale, email legate al tuo dominio ecc. Ci sono tantissime offerte di servizi hosting, generalmente i siti americani offrono sconti maggiori, con 50euro all’anno puoi avere un buon pacchetto completo. Se desideri un sito con performance però ti consiglio server italiani, ovviamente i server oltre oceano hanno una risposta più lenta, ma al fine pratico e per quello che ci riguarda va bene un servizio con una spesa sopra indicata. Una volta comprato il servizio riceverai le istruzioni e le credenziali per accedere al tuo pannello di controllo. Come creare un Blog? La maggior parte dei servizi hosting offre l’istallazione automatica di Cms che stà per content management system. Sono programmi che ti permettono una facile gestione delle tue pagine. Il cms per un blog di eccellenza è wordpress che è oltretutto open source, quindi non spendi ulteriori soldi. Per la veste grafica puoi scegliere tra un vasto numero di template gratuiti o pagamento. Se invece vuoi una grafica personalizzata devi conoscere un minimo di html, css ecc. Per chì è alle prime armi la configurazione iniziale di un cms può essere difficoltosa, ma una volta configurato wordpress è veramente facile da usare. Se preferisci evitare un servizio di hosting puoi sempre utilizzare una piattaforma di wordpress con cui puoi creare il tuo blog facilmente e velocemente. La differenza sostanziale in questa seconda soluzione riguarda il tipo di dominio, infatti  avrai attribuito un dominio si terzo livello. Praticamente nel primo caso avresti “tuonome.it/com/org” nel secondo caso “tuonome.wordpress.com”. Ovviamente c’è differenza tra un dominio di secondo e terzo livello, ma considerato che la gratuiticità della piattaforma di wordpress oltre alla facilità di utilizzo, possiamo considerare questa soluzione buona sopratutto per iniziare ad avere dimestichezza con questi strumenti. Inoltre questo metodo è ottimizzato per i motori di ricerca, tema importantissimo. L’attività che si occupa del posizionamento sui motori di ricerca si chiama “Seo“. Tratteremo questo importante argomento più avanti ma per il momento è necessario capire l’importanza della posizione delle tue future pagine sui motori di ricerca. Se hai scritto un libro che si chiama “Pluto a scuola” io mi aspetto che cercando questa stringa ottengo un tuo link di riferimento nei primi risultati della mia ricerca.  Per questo motivo posso definire la secondo soluzione valida essendo a misura dei motori di ricerca. Terza e ultima soluzione riguarda il servizio “blogger.com“. Blogger nasce nel 1999 in una piccola società americana dove i fondatori lavoravano più per passione che fini commerciali. A cavallo della “new economy” la celebrità del sito cresce rapidamente fino a diffondere la moda dei blogger. Successivamente fu acquistata da Google che lo integra all’interno degli altri servizi dallo stesso offerti. “Blogger” è la soluzione ideale per chi non ha conoscenze da webmaster. Riassumendo ci sono tre buoni modi per costruire il proprio blog, tutti sono praticamente gratuiti tranne il primo dove è richiesto l’acquisto di spazio hosting ma sfrutta ugualmente un programma open-source. La difficoltà va a scalare con la terza soluzione adatta a tutti. Nella prossima rubrica vedremo come lanciare una personalizzata campagna pubblicitaria su Facebook.

 

Leave a Comment

Filed under Rubrica im-possibile

La Turadont di Puccini sempre più attuale

kobo-maggio-2015

Dopo la prima serata in onore dell’apertura dell’Expo di Milano, la Turandot di Giacomo Puccini è un’ opera sempre più attuale per non dire mondiale. Il maestro Puccini è al momento il migliore portavoce della genialità italiana da presentare al mondo.

Scarica il libro su Giacomo Puccini da kobobooks.

Leave a Comment

Filed under I segreti del grande maestro- Giacomo Puccini