Monthly Archives: May 2016

Cincinnati Zoo Gorilla ucciso dopo aver cullato bimbo caduto nel suo recinto

Foche oceaniche Cornovaglia

La foto qui sopra mostra delle foche oceaniche libere su una costa della Cornovaglia. Cosa c’entra la foto col caso del gorilla barbaramente ucciso? Vorrei mettere a confronto due modi per avvicinarsi alla natura. Il primo riguarda il falso mondo dello zoo, il secondo un approccio più naturalistico. Non è mia intenzione parlare sia delle responsabilità dello zoo sia della responsabilità dei genitori per avere permesso la caduta di un bambino in un luogo interdetto. E’ stato ucciso un esemplare in via di estinzione per una giusta causa, così dichiara il responsabile dello zoo, ma il video che popola in rete mostra un’altra realtà. Il gorilla stava cercando di proteggere il ragazzo in un primo momento, prima di essere spaventato dalle urla degli spettatori. Ad un certo punto, il gorilla ha aiutato il ragazzo alzarsi. Temendo per la vita del ragazzino, il team dello zoo ha sparato. Il povero gorilla giustiziato per avere cullato un essere in quel momento indifeso. La legge dello zoo è spietata, gli animali sono merce, e come tale si acquistano o si eliminano. Non è forse meglio far conoscere la natura ai ragazzi in modo diverso? Cosa imparano i ragazzi dallo zoo? Nulla e sopratutto non capiscono l’importanza del rispetto.  Il rispetto della distanza, del silenzio, il rispetto delle stesse leggi della natura. Ma lo zoo è uno spettacolo più facile da vedere perché tutto a portata di mano, mentre per vedere quelle foche della foto bisogna camminare, salire su una scogliera, fare silenzio per non disturbarle. Alla fine si vedono anche male perché sono lontane, ma sono libere non chiuse in una gabbia di cemento, che se pur grande sarà sempre piccola per un gorilla.

3 Comments

Filed under Battaglia verde

Land’s end dove terra finisce

Landsend

Land’s end, punto più a ovest dell’Inghilterra e si trova nella regione della Cornovaglia.
Veramente sensazionale vedere l’oceano che sembra infinito. New York è a 3147 miglia, cosa avranno pensato gli antichi navigatori davanti a questo orizzonte senza fine. Neanche i gabbiani, abili volatori non si spingono più in la. Solo le grandi balene possono godersi la libertà di questo spazio blu e forse la parte più profonda della nostra anima.

 

1 Comment

Filed under Diario di bordo, Place