Category Archives: Diario di bordo

Scrivi qualcosa di nuovo?

sunset

Una domanda che alcuni miei amici chiedono personalmente: “Scrivi qualcosa di nuovo? ”

Scrivere è come disegnare un tramonto che potrà essere deludente. Scrivere è come cercare una aurora boreale che sarà sempre imprevedibile. Scrivere è come scalare una montagna senza mai arrivare alla cima. Scrivere è un atto liberatorio dove non importa cosa accadrà in futuro. Ma quel futuro continuamente minacciato da nuove guerre mondiali non mi piace. Un Europa dormiente, che si pensa al centro del mondo, ma è solo una parte. Il teatrino dei politici che attraverso i media mettono persone contro persone. Le divisioni portano guerre. La pace è un diritto da difendere ma non è scontato. Ancora oggi, nonostante la storia insegni, ci sono così tante testate nucleari al mondo da cancellare per sempre qualsiasi tramonto, qualsiasi aurora, qualsiasi montagna da cui poter vedere il mondo.

2 Comments

Filed under Diario di bordo, Other

Another day has gone

sunset

Another day has gone

1 Comment

Filed under Diario di bordo, Other, Place

Amazing day

sunsnet-south-coast

Another amazing day at south coast

Leave a Comment

Filed under Diario di bordo, Place

Salire sulla montagna

salire-sulla-montagna

“Salire la montagna è come vivere la vita”

1 Comment

Filed under Diario di bordo, Place, Quotes about life

Voglio vivere così col sole in fronte

tramonto su appennino

Voglio vivere così col sole in fronte!

Leave a Comment

Filed under Diario di bordo, Place

Land’s end dove terra finisce

Landsend

Land’s end, punto più a ovest dell’Inghilterra e si trova nella regione della Cornovaglia.
Veramente sensazionale vedere l’oceano che sembra infinito. New York è a 3147 miglia, cosa avranno pensato gli antichi navigatori davanti a questo orizzonte senza fine. Neanche i gabbiani, abili volatori non si spingono più in la. Solo le grandi balene possono godersi la libertà di questo spazio blu e forse la parte più profonda della nostra anima.

 

1 Comment

Filed under Diario di bordo, Place

Arrivederci Torre del lago Puccini

lago massaciuccoli

Riflessione al tuo lago caro maestro.

La quiete che ancora oggi invade questo lago che porta anche il tuo nome “Torre del lago Puccini” tocca dolcemente la mia mente e fa riflettere. Mi sono permesso di scrivere un libro su di te e dopo il successo inaspettato iniziale, oggi faccio i conti con qualcosa di più profondo. Dal 2013, anno di scrittura del libro molte cose sono cambiate. Nuove elementi ho trovato, ma tutto si scontra con quel concetto di libertà. La libertà di scrivere si scontra oggi con la logica di mercato. Quindi si pone il grande il problema. E’ giusto scrivere quello che il mercato si aspetta? Indubbiamente andare contro certe logiche e del tutto controproducente ma è importante preservare una propria integrità, non scendere a compromessi, proteggere fino in fondo la libertà di scrivere. Probabilmente sarà la strada più dura ma la più giusta. Arrivederci Torre del lago Puccini.

2 Comments

Filed under Diario di bordo, I segreti del grande maestro- Giacomo Puccini, Other

Solitudine libertà

solitudine e libertà

Solitudine e libertà!

2 Comments

Filed under Diario di bordo, Other

Solitudine

Solitudine

Solitudine beachy head

1 Comment

Filed under Diario di bordo, Other, Place

“Caro ministro, l’Italia non mi ha voluto, mi dicevano brava ma poi vincevano altri”

Roberta D'Alessandro Caro ministro

Ho letto molte polemiche contro Roberta D’Alesandro circa la sua famosa frase rivolta al ministro, che la trattano un pò come una traditrice “Che ha preferito la fuga alla lotta”. Questo è quello che viene pensato sui cervelli in fuga?

Anch’io sono fra quelli che hanno dovuto fare la scelta estera. Premetto che L’Italia è bella per molte cose ma credo che per un ricercatore senza soldi, ne parenti in politica e senza la classica spinta, ci sia solo una opportunità: estero! Vissuto sulla mia pelle posso testimoniare che all’estero non serve una solo conoscenza. Serve determinazione, sacrificio, spirito di volontà ma generalmente gli italiani all’estero riescono, nonostante tante difficoltà. Infatti per quelli  che pensano che chi emigra “preferisce la fuga alla lotta” deve sapere che all’estero spesso la strada è più dura, ma dipende dalle tue potenzialità, mentre in Italia dipende spesso dalla “spintarella”.

2 Comments

Filed under Diario di bordo