Sulle vie di Puccini

Giacomo-puccini-automobilistaSulle vie di Puccini

“Le terre del grande maestro sono un piccolo paradiso toscano. Sentirai l’aria profumata dei boschi o
la salsedine vicino al mare. Se avrai occasione di visitare la Terra di Puccini, come sto descrivendo,
farai un’esperienza unica e mistica. Partendo da Lucca, che contiene ancora intatte tante delle caratteristiche
tipiche dei tempi lontani e visitando, ovviamente, la casa natale di Puccini, puoi raggiungere,
attraverso una nuova pista ciclabile, Massaciuccoli, passando per Nozzano Castello, piccolo
centro medievale. Massaciuccoli è un piccolo insediamento in epoca romana che si trova al lato apposto
rispetto alla Villa di Puccini sul Lago di Massaciuccoli. Oggi l’area dove il maestro andava a
caccia è una grande oasi naturale per il birdwatching con oltre 260 specie di uccelli censite e protette.
Questo luogo è veramente fantastico, si vede dalla parte opposta la casa di Puccini e, portata dal
vento, sembra di sentire ancora qualche nota delle opere che ha scritto. Sarebbe bello volare sul lago
fino a quello che oggi è il piccolo villaggio di Torre del Lago Puccini. Al centro, la casa del maestro,
lo Chalè ristorante sulle rive del lago, il piccolo porticciolo con le barche a vela e il magnifico
teatro all’aperto. Non si può mancare di visitare la Villa Puccini, dove praticamente tutto è fermo
dalla morte del maestro. Lì vicino, in qualsiasi periodo dell’anno, vi è la tenuta di San Rossore, che
si estende fino a raggiungere il mare, certamente da visitare. Qui, nel periodo estivo, è doveroso fare
un bagno selvaggio lontano dalle classiche strutture turistiche della Versilia. Un tempo, la tenuta,
era proprietà diretta del Presidente della Repubblica. La zona è paludosa con fitti boschi, dune di
sabbia, una stupenda vegetazione primaverile. A sinistra, verso Pisa, troverete la foce del Serchio
mentre, a destra, prima Marina di Torre del Lago e poi Viareggio. Praticamente, fino alla darsena di
Viareggio è tutto un immenso parco, con i classici pini. Il percorso è molto bello in bici ma a piedi
si può ascoltare veramente il silenzio del luogo. Nella più viva Viareggio il maestro si trasferì negli
ultimi anni della sua vita perché, a Torre del Lago, aprirono una rumorosissima torbiera. Nella casa
di Viareggio, vicino alla pineta di Ponente, compose la maggior parte de la Turandot. Il cafe preferito
dal maestro a Viareggio era il Caffè Margherita, struttura in stile Liberty………” Paragrafo 6.1 Sulle vie di Puccini dal libro “I Segreti del grande Maestro”

Be Sociable, Share!

Leave a Comment

Filed under I segreti del grande maestro- Giacomo Puccini

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

four × four =